Cannes, FESTIVALS

CANNES 2017: “THE SQUARE” vince la 70° edizione

3 minuti di lettura

cannes2017palma

ostlundLa 70° edizione del Festival di Cannes – conclusasi ieri – ha celebrato il suo importante anniversario con un Concorso che non ha soddisfatto tutte le aspettative iniziali e in cui a vincere è stato un film che non era tra i primi titoli più quotati dalla stampa. La Giuria – presieduta da Pedro Almodóvar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wook, Will Smith, campilloPaolo Sorrentino e Gabriel Yaredha assegnato la Palma d’Oro alla satira sull’arte moderna diThe Square“, dello svedese Ruben Östlund – che aveva già ottenuto, nel 2014, il Premio della Giuria di Un Certain Regard, con “Forza Maggiore“.”120 Beats per Minute“, andreypellicola data come favorita per la vittoria – molto nelle corde del Presidente – si è dovuta accontentare del Gran Premio della Giuriasecondo trofeo del palmares, in ordine d’importanza. Al terzo postocon il Premio della Giuria tra le mani – si è classificato, invece, il dramma familiare – apprezatissimo dalla critica – “Loveless“, del cineasta russo Andrei Zvyagintsev. Quest’anno, c’è stato anche joaquinun premio speciale istituito per i 70 anni della kermesse, andato a Nicole Kidman – presenza costante di questa edizione, con ben tre lungometraggi (di cui due in competizione) e una serie tv. Rimanendo sempre in tema di quote rosa, Sofia Coppola è stata designata Miglior Regista perThe Beguileded è la seconda donna nella storia della manifestazione – dopo Yuliya Solntsevaa vincere questo premio. Come da previsioni, krugerNetflix – con “Okja” e “The Meyerowitz Stories: New and Selected” – è rimasto a bocca asciutta. Almodóvar aveva espresso sin dall’inizio le sue perplessità riguardo all’ipotesi di premiare una produzione sprovvista di un’uscita nelle sale e – nonostante Will Smith sembrasse avere idee opposte – così è stato, alla fine. Ecco, di seguito, la lista completa di tutti i vincitori della Selezione Ufficiale.

LUNGOMETRAGGI – CONCORSO UFFICIALE

PALMA D’ORO (consegnata da Juliette Binoche e Pedro Almodóvar):

THE SQUARE” – Ruben Östlund (Svezia, Germania, Francia, Danimarca)

PREMIO DEL 70° ANNIVERSARIO (consegnato da Will Smith):

Nicole Kidman

GRAN PREMIO DELLA GIURIA (consegnato da Costa-Gavras e Agnès Jaoui):

120 BEATS PER MINUTE” – Robin Campillo (Francia)

MIGLIOR REGISTA (consegnato da Fan Bingbing e Gabriel Yared):

Sofia Coppola – “THE BEGUILED” (USA)

MIGLIOR ATTORE (consegnato da Jessica Chastain):

Joaquin Phoenix in “YOU WERE NEVER REALLY HERE” – Lynne Ramsay (USA, Francia)

MIGLIOR ATTRICE (consegnato da Irène Jacob e Paolo Sorrentino):

Diane Kruger in “IN THE FADE” – Fatih Akin (Germania, Francia)

PREMIO DELLA GIURIA (consegnato da Maren Ade e Guillaume Gallienne):

LOVELESS” – Andrey Zvyagintsev (Russia, Francia)

MIGLIOR SCENEGGIATURA (consegnato da Marisa Paredes e Park Chan-wook) – EX AEQUO:

Yorgos Lanthimos ed Efthimis Filippou – “THE KILLING OF A SACRED DEER” (UK, Irlanda)

Lynne Ramsay – “YOU WERE NEVER REALLY HERE” (USA, Francia)

CORTOMETRAGGI – CONCORSO UFFICIALE

PALMA D’ORO:

A GENTLE NIGHT” – Qiu Yang

MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA:

THE CEILING” – Teppo Airaksinen

(consegnati da Uma Thurman e Cristian Mungiu)

UN CERTAIN REGARD

MIGLIOR FILM:

A MAN OF INTEGRITY” – Mohammad Rasoulof (Iran)

MIGLIOR ATTRICE: 

Jasmine Trinca in “FORTUNATA” – Sergio Castellitto (Italia)

MIGLIOR NARRAZIONE POETICA: 

BARBARA” – Mathieu Amalric (Francia)

MIGLIOR REGISTA: 

Taylor Sheridan – “WIND RIVER” (UK, Canada, USA)

PREMIO DELLA GIURIA:

APRIL’S DAUGHTER” – Michel Franco (Messico)

CAMERA D’OR

PREMIO MIGLIORE OPERA PRIMA (consegnato da Sandrine Kiberlain):

MONTPARNASSE BIENVENUE” – Léonor Serraille (Francia, Belgio)

CINEFONDATION

PRIMO PREMIO:

PAUL IS HERE” – Valentina Maurel (INSAS, Belgio)

SECONDO PREMIO:

ANIMAL” – Bahram e Bahman Ark (Iranian National School of Cinema, Iran)

TERZO PREMIO:

TWO YOUTHS DIED” – Tommaso Usberti (La Fémis, Francia)

GIURIA CST

PREMIO “VULCAIN” AL MIGLIOR ARTISTA-TECNICO:

Josefin Asberg per la scenografia di “THE SQUARE” – Ruben Östlund (Svezia, Germania, Francia, Danimarca)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi