AWARDS, Oscar

OSCAR 2018: “LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER” vince la 90° edizione

4 minuti di lettura

oscar2018vincitoricopertina

Il nero che aveva tinto il red carpet, durante la cerimonia dei Golden Globes, ha lasciato, nuovamente, spazio ai colori; così che la festa per i novant’anni del premio cinematografico più importante al mondo potesse, finalmente, cominciare. Gli Oscar 2018 si sono svolti ieri, al Dolby Theatre di Los Angeles, in California, e hanno scelto come Miglior Film dell’Anno – e di questo importante anniversario – “La Forma dell’Acqua – The Shape of Water”.

Nonostante sia stata un’edizione non particolarmente entusiasmante, dal punto di vista dell’entertainment – per colpa, forse, di un Jimmy Kimmel non troppo in formai premi sono stati assegnati con una certa cognizione di causa – maggiore rispetto ad altre edizioni. La qualità media dei titoli candidati era piuttosto alta e – proprio per il fatto che non c’era, probabilmente, un film che predominasse in modo netto sugli altri – i giurati hanno optato una clemente spartizione delle statuette.

Il fanta-romance di Guillermo del Toro, ad esempio, ha ottenuto (solo) 4 riconoscimenti (compresa la Regia), sui 13 per cui era stato menzionato; ma è stato, comunque, il più premiato della serata. Al suo seguito, con 3 trofei (tecnici), si è posizionatoDunkirk”, di Christopher Nolan; mentreTre Manifesti a Ebbing, Missouri” – che partiva come favorito insieme alla pellicola di Del Torosi è dovuto accontentare di due premi attoriali, assegnati a Frances McDormand e Sam Rockwell.

oscar2018showacting

Chiamami Col Tuo Nomeha vinto per la Miglior Sceneggiatura Non Originale e – nonostante sia stato James Ivory a ritirare la statuetta – possiamo essere, comunque, felici per una pregevole opera d’arte che, pur parlando inglese, è stata prodotta e girata in Italia, da un cineasta palermitano come Luca Guadagnino. Meno prevedibile era, invece, la vittoria di Jordan Peele e del suo “Scappa – Get Out” per la Miglior Sceneggiatura Originale; che ha fatto lo sgambetto al ben più meritevole Martin McDonagh, rimasto a mani vuote.

Grande gioia per Gary Oldmanpremiato per la sua mostruosa performance neL’Ora Più Buia” (che ha, giustamente, guadagnato anche il trofeo di Miglior Trucco) – e per il capolavoro della Pixar “Coco – capace di agguantare una doppia statuetta per il Miglior Film d’Animazione e per la Miglior Canzone Originale.

Questi 90 rappresentano, però, anche dei punti di svolta per gli Academy Awards e molti elementi lo testimoniano. In primis, una maggiore presenza femminile tra i candidati: su tutte, quest’anno, Greta Gerwigquinta donna, nella storia, nominata alla Regia – e Rachel Morrisonprima ad essere selezionata come Direttrice della Fotografia. L’ombra che Harvey Weinstein aveva gettato su Hollywood, ha, paradossalmente, giovato al gentil sesso; sempre più rinvigorito, determinato e deciso, come hanno testimoniato le parole di Ashley Judd e Mira Sorvino, portavoce del movimento Time’s Up. Emblematico, in questo senso, anche il discorso di Frances McDormand; che voleva sul palco, insieme a lei, tutte le donne nominate.

oscar2018pressactingfinal

Da non sottovalutare, poi, il trionfo di “Una Donna Fantastica” come Miglior Film Straniero: l’Academy si apre, completamente, alla diversità e non ha timore di premiare il ritratto veritiero e struggente di una transessuale – interpretata, con onestà e coraggio, dalla bravissima Daniela Vegache si scontra con una società più che mai coriacea e spietata.

E per finire, Guillermo del Toro, checon il suo commovente (doppio) discorso, in cui si definisce anche immigrato come tantiincita i giovani registi ad andare avanti e fa notare che dalla più surreale delle fantasie si può arrivare a scrutare la realtà nel profondo – proprio come avviene nella sua pellicola. L’Academyche ha preferito un film (apparentemente) di genere a tutti gli altrideve averlo compreso.

 

MIGLIOR FILM

LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER (The Shape of Water)” – Guillermo del Toro, J. Miles Dale (produttori)

(Fox Searchlight Pictures)

oscar2018winnerspicture

 

MIGLIOR REGIA

Guillermo del Toro – “LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER

oscar2018winnersdirector

 

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Frances McDormand – “TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

oscar2018winnersleadingactress

 

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Gary Oldman – “L’ORA PIU’ BUIA

oscar2018winnersleadingactor

 

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Allison Janney – “TONYA” 

oscar2018winnerssupportingactress

 

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Sam Rockwell – “TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI” 

oscar2018winnerssupportingactor

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Jordan Peele – “SCAPPA – GET OUT” 

oscar2018winnersoriginalscreenplay

 

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

James Ivory – “CHIAMAMI COL TUO NOME” 

oscar2018winnersadaptedscreenplay

 

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

COCO (Coco)” – Lee Unkrich (regista), Darla K. Anderson (produttrice)

(Walt Disney Studios Motion Pictures)

oscar2018winnersanimatedpicture

 

MIGLIOR FILM STRANIERO

UNA DONNA FANTASTICA (A Fantastic Woman)” – Sebastián Lelio (regista e produttore) (Cile)

(Sony Pictures Classics)

oscar2018winnersforeignpicture

 

MIGLIOR DOCUMENTARIO

ICARUS (Icarus)” – Bryan Fogel (regista, sceneggiatore e produttore), Dan Cogan (produttore)

(Netflix)

oscar2018winnersdocumentary

 

MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE

Alexandre Desplat – “LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER

oscar2018winnersoriginalscore

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

Remember Me(Musica e Testo di Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez) – “COCO

oscar2018winnersoriginalsong

 

MIGLIOR FOTOGRAFIA

BLADE RUNNER 2049” – Roger A. Deakins

oscar2018winnerscinematography

 

MIGLIOR MONTAGGIO

DUNKIRK” – Lee Smith

oscar2018winnersediting

 

MIGLIOR SCENOGRAFIA

LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER” – Paul Denham Austerberry, Shane Vieau, Jeffrey A. Melvin

oscar2018winnersproductiondesign

 

MIGLIORI COSTUMI

IL FILO NASCOSTO” – Mark Bridges

oscar2018winnerscostumedesign

 

MIGLIOR TRUCCO

L’ORA PIU’ BUIA” – Kazuhiro Tsuji, David Malinowski, Lucy Sibbick

oscar2018winnersmakeup

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

DUNKIRK” – Richard King, Alex Gibson

oscar2018winnerssoundediting

 

MIGLIOR MISSAGGIO SONORO

DUNKIRK” – Gregg Landaker, Gary A. Rizzo, Mark Weingarten

oscar2018winnerssoundmixing

 

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

BLADE RUNNER 2049” – John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert, Richard R. Hoover

oscar2018winnersvisualeffects

 

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

THE SILENT CHILD” – Chris Overton (regista), Rachel Shenton (sceneggiatrice e interprete)

oscar2018winnersliveactionshort

 

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO ANIMATO

DEAR BASKETBALL” – Glen Keane (regista), Kobe Bryant (sceneggiatore, produttore esecutivo e doppiatore)

oscar2018winnersanimatedshort

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO

HEAVEN IS A TRAFFIC JAM ON THE 405” – Frank Stiefel (regista, produttore e direttore della fotografia)

oscar2018winnersdocumentaryshort

 

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 thought on “OSCAR 2018: “LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER” vince la 90° edizione”

Rispondi