2018, REVIEWS

“LA TERRA DI DIO” – Francis Lee

2 minuti di lettura

godsownloc

 

TRA FIENO E FANGO

Johnny Saxby passa le sue giornate lavorando nella fattoria di famiglia, dispersa nella campagna del nord dell’Inghilterra. Gli unici sfoghi a questa vita contadina d’isolamento, sono delle sbronze notturne nei locali e del sesso occasionale. La routine di Johnny quotidiana cambia, improvvisamente, con l’arrivo di un ragazzo romeno – stabilitosi nella tenuta come lavoratore stagionale.

terradidio7

La Terra di Dio (God’s Own Country)” (2017) è l’opera prima di Francis Lee, presentata a vari festival internazionali – tra cui il Sundance e la Berlinale – candidata a 1 BAFTA Award e vincitrice di 4 British Independent Film Awards – compreso quello per il Miglior Film Indipendente Britannico. Considerato il pedigree acquisito durante la scorsa stagione cinematografica, ci si aspettava molto da questo film – uscito tre giorni fa, nelle sale italiane.

photo by Agatha A. Nitecka

Gli aspetti interessanti non mancano, a partire dalla sceneggiatura. Lee analizza bene la vita di campagna e il modo in cui essa possa essere frustrante e soffocante per un giovane omosessuale come il protagonista. Allo stesso tempo, c’è un contrasto tra durezza e dolcezza, che viene messo in luce sia nel modo in cui vengono trattati gli animali che nella relazione tra Johnny e Gheorghe. Nella disamina del loro rapporto, notiamo come uno diventi speculare per l’altro: Johnny – che, fino a quel momento, si approcciava in modo sfottente e rifiutava il contatto umano al di là del sesso puramente fisico – si scioglie grazie alla delicatezza di Gheorghe; che lo porta ad aprirsi ai sentimenti e a tirar fuori la parte più emotiva di sé, rimasta sempre nascosta.

terradidio1

La regia, invece, esalta i paesaggi dallo Yorkshire – nel nord dell’Inghilterrae i dettagli di una natura quieta e silenziosa; che ben si sposano con un incontro sessuale e sensuale di corpi, consumato tra fieno e fango e caratterizzante di una buona parte della pellicola. In tal senso, si gioca molto sulla fisicità, sui volti e sulle mani: particolari di significativa importanza. Nella componente visiva, funziona molto anche la fotografia di Joshua James Richards, al suo secondo lungometraggio; così come danno volume alla storia le interpretazioni del cast principale: dai poco noti Josh O’Connor e Alec Secareanu ai veterani Ian Hart e Gemma Jones.

terradidio2

Mentre la prima metà del film è abbastanza riuscita, nella seconda – e, soprattutto, nel finalevengono fuori degli sviluppi narrativi che risultano scontati, prevedibili e non del tutto all’altezza. I due protagonisti suscitano tenerezza, ma la loro relazione sentimentale non coinvolge abbastanza; anche per i limiti di uno script, qua e là, stagnante e per delle banalità evidenticomuni sia alla filmografia etero che omocome l’antipatia iniziale, che si trasforma in passione, attraverso un amplesso nato da uno scontro di rude mascolinità.

terradidio3

La tematica dell’immigrazioneappena accennataavrebbe meritato maggiori approfondimenti; che avrebbero, sicuramente, aggiunto tensione a un plot confinato, esclusivamente, nella storia d’amore. In più, c’è da dire che il confronto conI Segreti di Brokeback Mountain” (2005), di Ang Lee, è, costantemente, dietro l’angolo; per le troppe similitudini nella trama e per una sequenza che lo cita, quasi esplicitamente.

photo by Agatha A. Nitecka

La Terra di Dioha degli ingredienti pregevoli – e apprezzabili, sapendo che si tratta di un debuttoma, nel complesso, appare già visto e non aggiunge molto di nuovo al genere “gay romance“. Se lo paragonassimo, poi, al recentissimo Chiamami Col Tuo Nome” (2017), di Luca Guadagnino, scomparirebbe.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi