AWARDS, Golden Globes

GOLDEN GLOBES 2019: “BOHEMIAN RHAPSODY” e “GREEN BOOK” vincono la 76. Edizione

5 minuti di lettura

Il potere del cinema e dei film è quello di avvicinare le persone. Freddie Mercury e i Queen hanno fatto lo stesso con la loro musica. Ciò che volevo era portare sullo schermo quella stessa magia.

Graham King, “BOHEMIAN RHAPSODY” – MIGLIOR FILM – DRAMMA

La cerimonia dei Golden Globes 2019 si è svolta domenica a Beverly Hills, in California, con la conduzione di Andy Samberg e Sandra Oh – in doppia veste di host e premiata, per la serie “Killing Eve” – e, in termini di vincitori, è stata tra le più sorprendenti del nuovo millennio.

Mio figlio si sente rappresentato dal film a cui ho preso parte. Tutto ciò che produrrò nei prossimi due anni sarà al 50% fatto da donne. Voglio sfidare chiunque si trovi in una posizione di potere.

Regina King, “SE LA STRADA POTESSE PARLARE” – MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Anche in questa 76. Edizione, le prestigiose statuette sono state, ovviamente, assegnate dalla Hollywood Foreign Press Association – l’organizzazione di giornalisti che rappresentano l’industria cinematografica statunitense all’estero – ma le scelte compiute sono sembrate a dir poco contraddittorie; in quanto hanno incontrato più il gusto del pubblico che quello della critica.

Il cinema è una forma d’arte così collaborativa che bisogna sempre ringraziare qualcuno. Siamo tutti vivi, siamo qua e questo sta succedendo perché siamo vivi. Ogni piccolo individuo può cambiare la società, fare la differenza e creare un mondo più sano.

Jeff Bridges – PREMIO CECIL B. DEMILLE

Bohemian Rhapsody” e “Green Book” – rispettivamente scelti come Miglior Film – Dramma e Miglior Film – Commedia o Musical – hanno, difatti, scatenato reazioni opposte da parte delle due fazioni. Il biopic musicale di Bryan Singer e Dexter Fletcher – che non era stato inserito nelle categorie di Miglior Regia e Miglior Sceneggiatura – non ha raggiunto nemmeno la sufficienza su MetaCritic – con un punteggio medio di 49 – mentre IMDb e i suoi utenti lo hanno acclamato, promuovendolo a pieni voti (8,6) e facendolo, addirittura, balzare al 135° posto della classifica dei film più amati di sempre dagli spettatori.

È un grandissimo e profondo onore ricevere questo premio. Grazie a Freddie Mercury per avermi dato la gioia più grande della mia vita. Questo premio è per te e grazie a te.

Rami Malek, “BOHEMIAN RHAPSODY” – MIGLIOR ATTORE – DRAMMA

Per la pellicola a sfondo razziale di Peter Farrelly, invece, la discrepanza è stata meno estrema, seppur sempre presente: MetaCritic gli ha affibbiato un buon 70 – che non è, comunque, entusiasmante – mentre gli user di IMDb lo hanno esaltato con un voto medio di 8,3.

Tutti noi possiamo farcela. Quello che dobbiamo fare è comunicare, non giudicare le persone in base alle loro differenze e cercare ognuno dei punti in comune. Perché vogliamo essere trattati egualmente, l’un l’altro.

Peter Farrelly, “GREEN BOOK” – MIGLIOR FILM – COMMEDIA O MUSICAL

Prodotti ben più amati dalla stampa come “A Star is Born” (MetaScore: 88) e “La Favorita” (MetaScore: 90) si sono dovuti, quindi, accontentare di un posto in seconda o terza fila: il primo – che era il papabile per la vittoria, come Dramma – ha ottenuto solo il trofeo per la Miglior Canzone Originale (“Shallow”) e il secondo – front-runner tra le Commedie – ha visto premiata solamente la sua protagonista, l’eccellente Olivia Colman.

Mi sembro quasi un traditore a ritirare questo premio. Ho, semplicemente, assistito alle performance straordinarie di Yalitza Aparicio e Marina de Tavira. La verità è che, forse, questo film è stato diretto da mia madre e dalla mia famiglia. Muchas gracias México.

Alfonso Cuarón, “ROMA” – MIGLIOR REGIA

Un altro trionfatore, seppur in sordina, è stato “Roma” (MetaScore: 96), di Alfonso Cuarón; che è stato designato Miglior Film Straniero e ha avuto la meglio anche per la Miglior Regia, nonostante non figurasse nella categoria più importante di tutte, ossia Miglior Dramma. L’epica saga familiare in lingua spagnola – premiata con il Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia 2018 – potrebbe, dunque, riservare sorprese agli Oscar – le cui nomination saranno annunciate il 22 di questo mese.

Interpretare un personaggio così intimo mi ha fatto pensare a mia madre. Lei si è sempre schierata con mio padre e quando è arrivata ad una certa età, credeva di non aver combinato nulla di concreto nella vita. Io penso che le donne sono coloro che nutrono e mettono al mondo i figli; ma sono convinta che ognuna di noi deve trovare la propria realizzazione personale e la forza di dire “Io ce la posso fare”. Ho sempre saputo che volevo fare l’attrice; sono passati 45 anni e non riesco a immaginarmi una vita più splendida di quella che ho avuto.

Glenn Close, “THE WIFE – VIVERE NELL’OMBRA” – MIGLIOR ATTRICE – DRAMMA

C’è stata, poi, sorpresa ed emozione per la vittoria di Glenn Close, come Miglior Attrice Drammatica, per “The Wife – Vivere nell’Ombra” (MetaScore: 77). L’interprete statunitense ha battuto, al fulmicotone, la pop star Lady Gaga; vincendo il suo terzo Golden Globe – che è il primo guadagnato per un film – e preparandosi a raggiungere, potenzialmente, il record di 7 candidature all’Oscar, senza mai averne vinto uno – finora.

Siamo molto fortunati a poter fare qualcosa che amiamo ed essere premiati per questo.

Christian Bale, “VICE – L’UOMO NELL’OMBRA” – MIGLIOR ATTORE – COMMEDIA O MUSICAL

Tra situazioni comiche – lo sketch provocatorio sui vaccini antinfluenzali – e momenti di rilievo socio-culturale – il discorso della Presidente della HFPA sui giornalisti e la libertà di espressione, parola e stampal’edizione 2019 dei premi cinematografici che precedono gli Academy Awards sarà, certamente, ricordata anche per la netta affermazione delle donne e delle minoranze: persone di colore e omosessuali, ottimamente rappresentati da personaggi realmente esistiti e icone del mondo dell’arte e dello spettacolo.

 

MIGLIOR FILM – DRAMMA

BOHEMIAN RHAPSODY” (20th Century Fox)

 

MIGLIOR FILM – COMMEDIA O MUSICAL

GREEN BOOK” (Universal Pictures)

 

MIGLIOR ATTRICE – DRAMMA

Glenn Close – “THE WIFE – VIVERE NELL’OMBRA

 

MIGLIOR ATTORE – DRAMMA

Rami Malek – “BOHEMIAN RHAPSODY

 

MIGLIOR ATTRICE – COMMEDIA O MUSICAL

Olivia Colman – “LA FAVORITA

 

MIGLIOR ATTORE – COMMEDIA O MUSICAL

Christian Bale – “VICE – L’UOMO NELL’OMBRA

 

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Regina King – “SE LA STRADA POTESSE PARLARE

 

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Mahershala Ali – “GREEN BOOK

 

MIGLIOR REGIA

Alfonso Cuarón – “ROMA

 

MIGLIOR SCENEGGIATURA

Nick Vallelonga, Brian Currie, Peter Farrelly – “GREEN BOOK

 

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

SPIDER-MAN: UN NUOVO UNIVERSO” (Sony Pictures)

 

MIGLIOR FILM STRANIERO

ROMA” (Netflix)

 

MIGLIOR COLONNA SONORA

Justin Hurwitz – “FIRST MAN – IL PRIMO UOMO

 

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

“Shallow” – “A STAR IS BORN

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi