Cannes, FESTIVALS

FESTIVAL DI CANNES 2018: I 16 Film Più Attesi

14 minuti di lettura
cannes2018filmattesicopertina
Da sinistra, in alto, a destra, in basso: “The Man Who Killed Don Quixote“, “Wildlife“, “Everybody Knows” e “The House That Jack Built

Si è aperto ieri sera il Festival di Cannes 2018, con la proiezione, in anteprima mondiale, del primo titolo in Concorso: “Everybody Knows”, di Asghar Farhadi. Ad assegnare il palmares, sarà, quest’anno, una giuria presieduta da Cate Blanchett e composta da: Chang Chen, Ava DuVernay, Robert Guédiguian, Khadja Nin, Léa Seydoux, Kristen Stewart, Denis Villeneuve e Andrey Zvyagintsev. Iniziando a scaldare i motori e in attesa scoprire i pezzi forti di questa 71° edizione, vi presentiamo i 16 film del programma che non vorremmo, assolutamente, perderci.

Su il sipario!

#16 – GIRLS OF THE SUN – Eva Husson

cannes2018girls (2)

SEZIONE: Selezione Ufficiale – Concorso   LEGGI TUTTO

PRESS CONFERENCES & INTERVIEWS

“NELLE PIEGHE DEL TEMPO”: Google Conference con Ava DuVernay e il cast

4 minuti di lettura

awrinkleintimegoogle (2)

Per presentare “Nelle Pieghe del Tempo” al pubblico statunitense – in occasione del Giorno Internazionale della DonnaGoogle ha organizzato una conferenza con Ava DuVernay, Oprah Winfrey, Storm Reid, Reese Witherspoon e Gugu Mbatha-Raw.

Nelle Pieghe del Tempo (A Wrinkle in Time)” (2018) è uscito giovedì nelle sale italiane e non è divenuto un fenomeno da grandi incassi come lo è stato negli USAdove le cifre del Box Office, nel suo primo weekend, lo collocavano secondo solo aBlack Panther” (2018) dei Marvel Studios. La novità per cui un film per ragazzi si trovi ad avere una protagonista afroamericana – e che il suo genere o la sua etnia non siano mai un punto di discussione nella storia – non può che essere un segnale del cambiamento verso cui, a piccoli passi, si sta avviando Hollywood. Dopotutto, è già, di per sé, rilevante che la Disney abbia affidato la regia a una donna afroamericanala cui filmografia passata aveva dimostrato una particolare sensibilità per le tematiche di genere, di discriminazione razziale e, per sua stessa ammissione, di età; proprio a ragione del suo tardo ingresso nell’industria cinematografica. Alla domanda relativa alla caratteristica per cui fosse rimasta attratta, originariamente, dal progetto, Ava DuVernay ha, senza indugio, specificato che la chiamata della Disney le fosse risultata differente dal solito; in quanto “spesso si presume che le donne chiedano il permesso, […] che diano prova di meritare davvero di vedersi affidato un progetto, a Hollywood come nella vita comune”. Al contrario, nulla di tutto ciò le era stato chiesto dalla Disney; che aveva, anzi, dichiarato di essere, semplicemente, interessata al suo lavoro e alla sua personalità cinematografica. LEGGI TUTTO

2018, REVIEWS

“NELLE PIEGHE DEL TEMPO” – Ava DuVernay

2 minuti di lettura

nellepieghedeltempoposter

FREQUENZA IMPERFETTA

Tre donne misteriose conducono una ragazzina in un viaggio alla scoperta dell’universo, per ritrovare il padre scienziato – scomparso, in maniera inspiegabile, anni prima – e affrontare una minaccia grande e antica quanto l’universo stesso.

null

Nelle Pieghe del Tempo (A Wrinkle in Time)” (2018) è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo, del 1963, di Madeleine L’Engle. Diretto dalla candidata all’Oscar Ava DuVernay, il film è una commistione di due trame parallele: la scoperta di mondi fantastici, da parte di tre ragazzini, e il racconto di una famiglia, nata dall’unione romantica e professionale degli scienziati Kate e Alex Murry. LEGGI TUTTO