AWARDS, Oscar

OSCAR 2019: Nomination e Previsioni sui Vincitori della 91. Edizione

13 minuti di lettura

A poche ore dagli Oscar 2019, vi presentiamo l'elenco completo della nomination e le nostre previsioni sui possibili vincitori della 91. Edizione.

BEST OF THE YEAR

BEST OF 2018: Una Playlist di 8 Clip dai Migliori Film dell’Anno

3 minuti di lettura

 

Un altro grande anno cinematografico volgerà al termine, tra poche ore. In questo articolo di BEST OF, ripercorriamo il 2018 – non in ordine cronologico – con una Playlist di 8 Clip estrapolate dai Migliori Film usciti in Italia – in sala e su Netflix – dal 1° Gennaio al 31 Dicembre. Le sequenze selezionate sono accompagnate dal commento alla pellicola, la data di uscita e la casa di distribuzione. Mettetevi comodi, preparate lo champagne e… Bye Bye 2018! 

 

L’ALBERO DEI FRUTTI SELVATICI (The Wild Pear Tree), di Nuri Bilge Ceylan

USCITA IN SALA: 4 Ottobre 

DISTRIBUZIONE: Parthénos Distribuzione

PERCHE’ E’ TRA I MIGLIORI: Solo un Autore con la A maiuscola, come Nuri Bilge Ceylan, può essere in grado di partorire un lungo dialogo volutamente verboso – ma intellettualmente stimolante – tra tre uomini nella campagna turca, dandogli una profondità filosofica ed esistenziale senza eguali. Inspiegabile la sua assenza dal palmares del Festival di Cannes 2018 LEGGI TUTTO

AWARDS, Oscar

OSCAR 2018: “LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER” vince la 90° edizione

4 minuti di lettura

oscar2018vincitoricopertina

Il nero che aveva tinto il red carpet, durante la cerimonia dei Golden Globes, ha lasciato, nuovamente, spazio ai colori; così che la festa per i novant’anni del premio cinematografico più importante al mondo potesse, finalmente, cominciare. Gli Oscar 2018 si sono svolti ieri, al Dolby Theatre di Los Angeles, in California, e hanno scelto come Miglior Film dell’Anno – e di questo importante anniversario – “La Forma dell’Acqua – The Shape of Water”.

Nonostante sia stata un’edizione non particolarmente entusiasmante, dal punto di vista dell’entertainment – per colpa, forse, di un Jimmy Kimmel non troppo in formai premi sono stati assegnati con una certa cognizione di causa – maggiore rispetto ad altre edizioni. La qualità media dei titoli candidati era piuttosto alta e – proprio per il fatto che non c’era, probabilmente, un film che predominasse in modo netto sugli altri – i giurati hanno optato una clemente spartizione delle statuette. LEGGI TUTTO