AWARDS, Golden Globes

GOLDEN GLOBES 2019: “BOHEMIAN RHAPSODY” e “GREEN BOOK” vincono la 76. Edizione

5 minuti di lettura

Il potere del cinema e dei film è quello di avvicinare le persone. Freddie Mercury e i Queen hanno fatto lo stesso con la loro musica. Ciò che volevo era portare sullo schermo quella stessa magia.

Graham King, “BOHEMIAN RHAPSODY” – MIGLIOR FILM – DRAMMA

La cerimonia dei Golden Globes 2019 si è svolta domenica a Beverly Hills, in California, con la conduzione di Andy Samberg e Sandra Oh – in doppia veste di host e premiata, per la serie “Killing Eve” – e, in termini di vincitori, è stata tra le più sorprendenti del nuovo millennio.

Mio figlio si sente rappresentato dal film a cui ho preso parte. Tutto ciò che produrrò nei prossimi due anni sarà al 50% fatto da donne. Voglio sfidare chiunque si trovi in una posizione di potere.

Regina King, “SE LA STRADA POTESSE PARLARE” – MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Anche in questa 76. Edizione, le prestigiose statuette sono state, ovviamente, assegnate dalla Hollywood Foreign Press Association – l’organizzazione di giornalisti che rappresentano l’industria cinematografica statunitense all’estero – ma le scelte compiute sono sembrate a dir poco contraddittorie; in quanto hanno incontrato più il gusto del pubblico che quello della critica. LEGGI TUTTO

AWARDS, Golden Globes

GOLDEN GLOBES 2019: Un’Analisi sulle Nomination della 76. Edizione

13 minuti di lettura

goldenglobes2019nomination

(Accanto al titolo di ogni film di questa Awards Season, compare il numero di metascore, ovvero il punteggio medio – da 0 a 100 – delle recensioni estere, sul sito MetaCritic.) 

Sono state annunciate la scorsa settimana, in California, le candidature dei Golden Globes 2019, alla presenza di Terry Crews, Danai Gurira, Leslie Mann, Christian Slater e della presidente della Hollywood Foreign Press Association, Meher Tatna. Le nomination della 76° edizione – i cui vincitori saranno svelati nella cerimonia del 6 Gennaio prossimo – sono tra le più commerciali degli ultimi anni e non sono poche le scelte che fanno storcere il naso, già ad una prima lettura. Il biopic politico “Vice – L’Uomo nell’Ombra”, di Adam McKay – in uscita negli USA il 25 Dicembre e in Italia il 3 Gennaio – ha ricevuto, a sorpresa, il maggior numero di menzioni, ovvero 6, seguito da “La Favorita” (91), di Yorgos Lanthimos, “Green Book” (70), di Peter Farrelly, e “A Star is Born” (88), di Bradley Cooper, tutti e tre con 5. LEGGI TUTTO

AWARDS, Oscar

OSCAR 2018: “LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER” guida le nomination

6 minuti di lettura

oscarnomination2018copertina

L’Awards Season 2018 è arrivata al momento più importante, con l’annuncio delle nomination dei 90° Oscar; svelate, alcune ore fa, da Andy Serkis e Tiffany Haddish, dal Samuel Goldwyn Theater di Los Angeles. Il film che ha fatto incetta di candidature – con un notevole distacco dagli altri – èLa Forma dell’Acqua – The Shape of Water”; che, solo pochi giorni fa, era stato designato miglior titolo dell’anno ai Producers Guild of America Awards. Il fanta-romance di Guillermo Del Toro ha raggiunto la soglia di 13 nomine, seguito da “Dunkirk” (8), “Tre Manifesti a Ebbing, Missouri” (7), “L’Ora Più Buia” (6), “Il Filo Nascosto” (6) e “Lady Bird” (5). La pellicola di Paul Thomas Anderson ha ottenuto un risultato inaspettato ed è stata inserita, a sorpresa, nella categoria principale – così come in quella dei registi – allo stesso modo del biopic storico su Winston Churchill, diretto da Joe Wright. LEGGI TUTTO