2018, REVIEWS

LA PORTA DELLA GIOIA E DELL’INCANTO: “IL RITORNO DI MARY POPPINS”, di Rob Marshall

4 minuti di lettura

Nella Londra degli Anni ’30, durante la Grande Depressione, Michael Banks (Ben Wishaw) lavora nella stessa banca del padre e vive ancora al numero 17 di Viale dei Ciliegi, insieme ai tre figli e alla domestica Ellen (Julie Walters). Allo stesso modo della madre, Jane Banks (Emily Mortimer) lotta, invece, per i diritti dei lavoratori e aiuta la famiglia del fratello. A seguito di una perdita personale, Mary Poppins (Emily Blunt) rientra, magicamente, nella vita dei Banks, per aiutarli a ritrovare la gioia dell’infanzia perduta. 

 

Questi palloncini rappresentano l’esistenza e – come essa – vanno riempiti con i sentimenti e le emozioni della nostra vita.

Signora dei Palloncini

Sono passati 54 anni da quando la tata magica più famosa della storia del cinema faceva capolino sul grande schermo. Era il 1964 e Julie Andrews era la protagonista di “Mary Poppins” – prodotto da Disney, diretto da Robert Stevenson e tratto dai romanzi di Pamela Lyndon Travers. I personaggi del musical vincitore di 5 Oscar, sono di, nuovo, nelle sale con “Il Ritorno di Mary Poppins (Mary Poppins Returns)” (2018), sequel diretto da Rob Marshall e scritto da David Magee, John DeLuca e lo stesso Marshall – sulla base di elementi sempre presenti nei testi letterari – che mantiene appieno le aspettative e conserva, intatte, le atmosfere dell’originale, riproponendole alle nuove generazioni. LEGGI TUTTO

AWARDS, Golden Globes

GOLDEN GLOBES 2019: Un’Analisi sulle Nomination della 76. Edizione

13 minuti di lettura

goldenglobes2019nomination

(Accanto al titolo di ogni film di questa Awards Season, compare il numero di metascore, ovvero il punteggio medio – da 0 a 100 – delle recensioni estere, sul sito MetaCritic.) 

Sono state annunciate la scorsa settimana, in California, le candidature dei Golden Globes 2019, alla presenza di Terry Crews, Danai Gurira, Leslie Mann, Christian Slater e della presidente della Hollywood Foreign Press Association, Meher Tatna. Le nomination della 76° edizione – i cui vincitori saranno svelati nella cerimonia del 6 Gennaio prossimo – sono tra le più commerciali degli ultimi anni e non sono poche le scelte che fanno storcere il naso, già ad una prima lettura. Il biopic politico “Vice – L’Uomo nell’Ombra”, di Adam McKay – in uscita negli USA il 25 Dicembre e in Italia il 3 Gennaio – ha ricevuto, a sorpresa, il maggior numero di menzioni, ovvero 6, seguito da “La Favorita” (91), di Yorgos Lanthimos, “Green Book” (70), di Peter Farrelly, e “A Star is Born” (88), di Bradley Cooper, tutti e tre con 5. LEGGI TUTTO