Senza categoria

L’Italia chiude i cinema per il Coronavirus, nel giorno della Festa della Donna: la Fine del Mondo incombe?

6 minuti di lettura
Da sinistra a destra: “Madre!“, di Darren Aronofsky, e “Melancholia“, di Lars von Trier.

Questo fenomeno chiamato Coronavirus sembra essere l’inizio di una fine. Il segnale lampante di un mondo e di un’umanità tutta che procedono, vertiginosamente, verso una spaventosa involuzione (povero Darwin!); con l’Italia tra le prime nazioni a cadere.

PARTE I – APOCALISSI CINEMATOGRAFICHE

Il cinema – come l’arte, più in generale – è risultato, spesso, profetico e – anche in una tale situazione capace di scatenare paranoia (prima) e panico (dopo) – i film apocalittici – blockbuster, autoriali, indie – hanno anticipato un futuro o una fantascienza relativi al social system attuale; che, tuttavia, non ha quasi più nulla di fanta(stico) ed è, invece, pregno di tutta la palpabile consistenza della realtà che stiamo vivendo e guardando in faccia – direttamente con i nostri occhi e non più attraverso uno schermo. LEGGI TUTTO

AWARDS, Golden Globes

GOLDEN GLOBES 2018: “TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI” e “LADY BIRD” vincono la 75° edizione

2 minuti di lettura

goldenglobes2018vincitoricopertina

Il movimento di protestaTime’s Up” e il total black negli abiti della star sul red carpet, hanno segnato la cerimonia di premiazione dei Golden Globes 2018, svoltasi ieri al Beverly Hilton Hotel, di Beverly Hills. La violenza sulle donne, l’equiparazione salariale tra attori e attrici e la ribellione delle dive di Hollywood verso uno star system di dominio maschile sono state tematiche centrali di questa 75° edizione, a cui tutti hanno, più o meno, fatto riferimento.

Ma veniamo ai premi. “Tre Manifesti a Ebbing, Missouri”, di Martin McDonagh ha ottenuto 4 statuette – Miglior FilmDramma“, Miglior AttriceDramma“, Miglior Attore Non Protagonista e Miglior Sceneggiatura – e ha avuto la meglio su “La Forma dell’Acqua – The Shape of Water”; che l’aveva, invece, battuto alla 74° Mostra del Cinema di Venezia dove entrambi concorrevanoconquistando il Leone d’Oro. Il poetico fantasy di Guillermo Del Toro è stato, comunque, premiato per la Miglior Regia e la Miglior Colonna Sonora, del veterano Alexandre Desplat. LEGGI TUTTO